Pandemia e razzismo: gli effetti sulla Gen Z asiatico-americana

Cosa significa hashtag #stopasianhate per la comunità cinese UsaDopo lo scoppio della pandemia, la paura per il virus e il suo collegamento iniziale con la Cina hanno fatto riemergere negli Stati Uniti un forte sentimento anti-asiatico. Cittadini e cittadine identificati esteriormente come di origine asiatica sono stati etichettati come portatori del virus e hanno subito vari episodi di aggressione, verbale e fisica, e di discriminazione. Questo sentimento ostile è stato sollecitato dallo stesso presidente allora in carica, Donald Trump, che ha più volte chiamato il SARS-CoV-2 come “il virus cinese” o “il Kung-flu“, con allo scopo di attaccare il governo cinese e scaricare la responsabilità della crisi sanitaria sulla comunità asiatica. Dopo due anni dallo scoppio della pandemia, l’aumento degli episodi a sfondo razzista verso gli statunitensi di aspetto e origine asiatica ha suscitato in queste comunità un forte sentimento di paura e delusione, soprattutto nei più giovani. La cosiddetta “Gen Z” ha fatto esperienza, spesso per la prima volta, di questi atteggiamenti xenofobi e li ha denunciati e condivisi sui social come TikTok, Twitter e Instagram. Ne dà conto questo reportage, che riprendiamo e traduciamo da The Guardian: sulla base di recenti studi, qui discussi e arricchiti di testimonianze dirette, solo il 19% degli asiatico-americani tra i 18 e i 24 anni, sebbene nati e cresciuti negli Stati Uniti, si sente pienamente accettato nel paese.

 

di Victoria Namkung

Anika Lima ha l’esperienza di una “zona grigia” quando si parla di senso di appartenenza in America. Sebbene si senta americana, è nata in America e ci ha vissuto tutta la sua vita, Anika Lima, ora studentessa dell’UCLA, ha detto che regolarmente ha esperienza di microaggressioni a sfondo razziale e viene spesso scambiata per un’immigrata. “Di solito indosso abiti tipici della mia cultura e molte persone pensano che questo sia dovuto al fatto che sia immigrata da poco”, ha detto. “Deduco che loro vedano questo come estraneo o straniero”.

Questo è qualcosa con cui ha combattuto per tutta la sua vita.

Quando Anika è nata, nel 2003, i suoi genitori immigrati in America dal Pakistan hanno voluto che la figlia avesse un nome che non fosse collegato alla loro provenienza. Non volevano che il suo nome avesse una percezione negativa se lo si trovasse in un elenco di classe o in una candidatura di lavoro e per questo anziché tramandarle il cognome paterno, che potrebbe essere identificato come musulmano e del sud est asiatico, i genitori di lei hanno scelto per lei un cognome che fosse associato a persone portoghesi.

“Anche se l’11 settembre è accaduto prima che io nascessi, esso influisce tutt’ora nella mia vita quotidiana”, afferma Lima, 18 anni.

Cresciuta nel Sud della California e indossando l’hijab, le è stato chiesto da uno dei suoi compagni di classe quando avrebbe bombardato la scuola. All’età di 10 anni è stata interrogata e sottoposta a perquisizioni casuali in aeroporto. Quando tornò a casa da un evento di Girl Scout con un poster di un aereo, i suoi genitori le dissero di non appenderlo per evitare che le persone si facessero un’idea sbagliata.

Ha detto che l’ha turbata il vedere l’emergere di nuovi attacchi contro gli asiatici dall’inizio della pandemia.

Una stragrande maggioranza dei giovani asiatico-americani fa fatica a sentirsi completamente accettata come americana adesso che sta diventando maggiorenne, in un momento in cui si ha un allarmante aumento di molestie e bullismo, retorica anti-asiatica, crimini d’odio e incidenti contro la loro comunità. Gli studenti hanno riferito di aver ricevuto sputi, di essere stati presi a pugni, di essere stati accusati di mangiare cani e pipistrelli e di essere stati chiamati con soprannomi come “virus cinese”, tutti eventi che possono richiedere un grande costo psicologico.

Secondo l’Index Report Staatus (un censimento sociale degli asiatico-americani negli USA) del 2022, solo il 19% degli asiatico-americani di età compresa tra i 18 e i 24 anni sente di appartenere e di sentirsi accettato negli Stati Uniti, a confronto del 51% per le persone sopra i 65 anni. Lo studio ha provato che gli asiatico-americani, anche se nati negli Stati Uniti, sono meno propensi a sentirsi accettati, in confronto con gli afroamericani, i latinoamericani e i bianchi.

Gli esperti affermano che la Gen Z degli asiatico-americani si senta meno accettata negli Stati Uniti rispetto alla generazione più anziana, che sentiva più la pressione di assimilarsi, per un insieme di fattori quali il sentirsi marginalizzati, l’essere visti come stranieri perpetui, l’aumento di odio e violenza contro gli asiatici e il potere dei social media che hanno evidenziato l’ingiustizia.

“Ci sono episodi di violenza in posti che sono considerati posti sicuri per le persone asiatiche, come le Chinatown o le Koreatown”, ha detto il sociologo Anthony Ocampo, autore dei “Latini in Asia:Come gli americo-filippini hanno rotto le regole razziali. “Aggiunti con eventi come le sparatorie di massa e la retorica anti-asiatica su scala nazionale, è diventato un rischio partecipare nella vita americana, o comunque questa è la percezione”.

Ocampo ha detto che l’era di Trump ha portato ad un aumento dei crimini di odio e di incidenti di odio che ha reso gli asiatico-americani ancora più stranieri. Da quando gli asiatico-americani sono arrivati negli Stati Uniti, hanno dovuto affrontare il razzismo, la xenofobia e la violenza. Lo stereotipo del “pericolo giallo”, che è stato portato avanti nell’Ottocento, ha etichettato i cinesi-americani come sporchi e portatori di malattie. Gli asiatico-americani sono stati dei capri espiatori durante periodi di recessione economica e uccisi in rivolte e massacri anti-asiatici.

“La violenza razzista contro gli asiatico-americani e altre persone non bianche è stata consistente” ha detto Ocampo. ”E’ una brutta pagina della nostra storia che stiamo cercando di dimenticare o cancellare da entrambe le parti, ma è importante invece ricordare.”

Per molti asiatico-americani più giovani, l’era Covid è la prima esperienza su scala nazionale di sentimento anti-asiatico e di attacchi diffusi contro le loro comunità e molti di questi attacchi sono apparsi in video diffusi sui social media. Piattaforme come TikTok e Twitter sono servite come spazi digitali per educare e dare voce ai giovani. Gli attivisti si sono mobilitati su Instagram dopo eventi come le sparatorie nei centri benessere ad Atlanta che hanno portato alla morte di sei donne asiatiche.

“Questa generazione è particolarmente influenzata e informata dai social media”, ha detto Christina Chin, professoressa alla Cal State Fullerton e che si occupa di ricerca sull’identità razziale, etnica e giovanile. “Penso che le vecchie generazioni si basino tanto sulla loro esperienza di vita, mentre la generazione più giovane è molto più impegnata nei temi sociali e di disuguaglianza razziale.

Chin ha detto che la Gen Z voleva rivendicare il loro essere asiatico-americani in un modo diverso da quello delle vecchie generazioni, che invece sentivano di più la pressione ad essere accettati e di appartenere alla società.

“Crescendo, non mi sono sentita come la ragazza più bella della classe”, ha detto Emma Civita, 21 anni. “Gli standard di bellezza erano focalizzati solo su capelli biondi e occhi azzurri”. Civita, che è giapponese-americana, afferma che da bambina le veniva spesso chiesto “Tu cosa sei?”.

“Ripensandoci, è una domanda molto strana da fare a una bambina di sette anni”, ha detto. “Penso che la maggior parte delle persone non chiederebbe ad una persona bianca, “Tu cosa sei?” E’ solo quando appari diversa che le persone ti fanno questa domanda”.

Civita ha detto che oggi si preoccupa meno degli standard di bellezza, si identifica con orgoglio come giapponese e sente che appartiene al suo paese “per la maggior parte”. Ha detto che vedere il modo in cui sono stati trattati gli asiatico-americani, specialmente gli anziani, durante la pandemia l’ha resa molto triste e l’ha fatta sentire più vicina alla sua famiglia.

“Penso alla mia bisnonna che fu internata a Manzanar e penso: “ come si puo’ stigmatizzare un’intera razza?” Il centro di detenzione di Manzanar in California fu uno dei 10 campi in cui i giapponesi-americani e gli immigrati giapponesi senza diritti a chiedere la cittadinanza erano incarcerati durante la seconda guerra mondiale.

Un report dello “Stop AAPI Hate Youth Campaign” del 2020 ha mostrato che il 73 % degli asiatico-americani e degli americani di origine pacifica ha espresso rabbia e delusione riguardo alla corrente situazione di razzismo verso gli asiatici nel paese e molti hanno provato paura e preoccupazione per la sicurezza delle loro famiglie.

Da asiatico-americano, Erica Garcia, 22 anni, ha detto che l’era Covid le ha indotto ansia. “ Mia mamma era una lavoratrice essenziale e ero molto preoccupata per lei”, ha detto. “ Ho sempre avuto il pensiero in testa del “Spero che lei stia bene.” Questa preoccupazione si estende ai miei amici, alla mia famiglia e anche a me stessa”.

Garcia, una studentessa figlia di immigrati e cresciuta nell’area di San Francisco, ha detto che non si è sentita completamente parte degli Stati Uniti, essendo figlia di una madre cinese vietnamita e di un padre immigrato messicano. “Ti senti incastrato tra molte culture differenti, inclusa quella americana, e io cerco di adeguarmi ma non ci sono mai riuscita”.

L’essere queer anche influisce sui suoi sentimenti di appartenenza, visto che per i giovani asiatico-americani che provengono da famiglie tradizionali, “essere queer ti fa sentire come una delusione”. Garcia ha detto che i suoi professori, i compagni di classe e la sua ragazza l’hanno aiutata ad accettare la propria identità.

Altri asiatico-americani, come Marcus Sanders, 18 anni, ha sempre sentito di essere parte del suo paese. “E’ stato molto diverso l’essere cresciuto a Union City dove c’erano molti asiatico-americani, afroamericani e latini”, ha detto, “così tutti erano una minoranza. Non mi sono mai sentito diverso”.

Sanders, un quarterback all’Università dell’Oregon, ha detto che le persone erano a volte soprese nello scoprire che sono di origini cinese e coreane, visto che i giocatori di football asiatico-americana sono in minoranza in questo sport. Quando partecipava ai campeggi di football, le persone a volte gli chiedevano se fosse hawaiiano.

Sanders ha detto che si sentiva accettato anche ora che vive ad Eugene, in Oregon. “ Nessuno mi tratta diversamente perché sono asiatico”, ha detto, notando che il razzismo e la violenza contro la sua comunità non erano per lui una preoccupazione seria. Ha detto che sua nonna coreana è stata pubblicamente perseguitata per motivi razziali durante la pandemia.

Per combattere il razzismo, le persecuzioni e la marginalizzazione, che molti giovani asiatico-americani vivono, lo “Stop AAPI Hate” consiglia agli stati di implementare gli studi etnici nei curricula della scuola secondaria cosicché gli studenti possano imparare la storia americana delle diverse comunità americane. Inoltre, vengono suggeriti corsi contro il bullismo per docenti e amministratori, pratiche di giustizia ristorativa e di supporto per studenti AAPI. Raccomandano anche che le compagnie dei social media creino sulle loro piattaforme siti accessibili e anonimi per le vittime di bullismo online.

Lima ha detto che le vecchie generazioni di asiatico-americani sono stati più compiacenti e felici per ogni rappresentazione nella sfera pubblica, ma la sua generazione sente che “merita di più”.

“Sono orgogliosa di alcuni parti della storia americana, ma allo stesso tempo mi vergogno di alcune parti della nostra storia,” ha detto Lima. “Voglio che ogni comunità si senta meglio e voglio che più persone ci vedano come americani.

[Traduzione di Anna Farasat]

Fonte: The Guardian, 22 Agosto 2022.