domenica, Aprile 14, 2024
CiboEconomiaGeneri

Migliaia di braccianti indiane in lotta contro le leggi agrarie

L’8 marzo 2021, in occasione della Giornata internazionale della donna, oltre 20.000 braccianti indiane si sono unite alle proteste di piazza che vanno avanti ormai da mesi, contro le nuove leggi agricole. La riforma, fortemente voluta dal premier indiano Narendra Modi, prevede la liberalizzazione del mercato agricolo: essa favorisce i grandi gruppi privati, mettendo a rischio il lavoro dei piccoli produttori, uomini e donne che siano. Nel caso delle donne, specie se single, sin sommano le discriminazioni di una società che resta per molti aspetti patriarcale. Quasi il 75% delle lavoratrici indiane a tempo pieno sono contadine e svolgono un ruolo essenziale nella produzione agricola. Nonostante ciò possono essere definite, a tutti gli effetti, una ‘’forza lavoro invisibile”, che ora chiede rispetto e pari dignità.

 

di Redazione Aljazeera

Migliaia di donne contadine hanno tenuto sit-in e scioperi della fame fuori dalla capitale indiana, durante la Giornata internazionale della donna, contro le nuove leggi sull’agricoltura che aprono il vasto settore agricolo del paese agli acquirenti privati. Le manifestazioni di lunedì 8 marzo si sono svolte in più siti ai margini della capitale, dove decine di migliaia di agricoltori sono accampati da più di tre mesi per protestare contro le nuove leggi che il governo del primo ministro Narendra Modi ritiene necessarie per “modernizzare” l’agricoltura.

Indossando sciarpe giallo brillante, che rappresentano il colore dei campi di senape, le donne sono state al centro della scena, cantando slogan, tenendo piccole marce e pronunciando discorsi contro le leggi. “Questo è un giorno importante in quanto mette in luce la forza delle donne”, ha detto Veena, una 37enne di una famiglia di agricoltori, che ha dato un solo nome per proteggere la sua identità. “Credo che se noi donne siamo unite, allora possiamo raggiungere il nostro obiettivo molto più rapidamente”, ha aggiunto Veena, che ha viaggiato dallo stato settentrionale del Punjab al tentacolare luogo di protesta di Tikri.

Più di 20.000 donne si sono radunate nel sito vicino al confine di Delhi con lo stato di Haryana, hanno detto la polizia e gli organizzatori di eventi. “Questa è una giornata che sarà gestita e controllata dalle donne, i relatori saranno le donne, ci saranno molte prospettive femministe e discussioni su cosa significano queste leggi per le donne contadine”, ha detto l’attivista Kavitha Kuruganti. “È un’occasione in più per mostrare ed evidenziare il contributo delle donne contadine sia nell’agricoltura in India che in questo movimento”.

 

Modi “non si cura delle donne”

Circa 100 donne sedevano a gambe incrociate davanti a un palco improvvisato a Ghazipur, uno dei luoghi di protesta al confine di Delhi con lo stato dell’Uttar Pradesh. Tenendo in mano le bandiere dei sindacati agricoli, hanno ascoltato le donne leader agricole parlare e cantato slogan contro le leggi. Almeno 17 hanno preso parte a uno sciopero della fame di un giorno.

“Le donne sono sedute qui, all’aperto, in segno di protesta, ma a Modi non importa. Non gli importa di madri, sorelle e figlie. Non gli importa delle donne. È chiaro”, ha detto Mandeep Kaur, una contadina che ha viaggiato per 1.100 km (680 miglia) dallo stato di Chhattisgarh per partecipare alle proteste. Le donne sono state in primo piano e in prima linea nelle proteste: le mobilitazioni dei braccianti hanno rappresentato una delle maggiori sfide per Modi da quando è entrato in carica nel 2014.

Molti hanno viaggiato con le migliaia di agricoltori maschi che sono arrivati ​​nei diversi luoghi di protesta alla fine di novembre e da allora hanno organizzato e guidato marce di protesta, gestito campi medici ed enormi mense per i poveri che sfamano migliaia di persone, ma soprattutto hanno sollevato richieste di parità di genere. “Oggi Modi invia auguri alle donne di tutto il paese in occasione della Giornata internazionale della donna. Chi sono queste donne a cui invia gli auguri? Anche noi siamo come le sue figlie, ma chiaramente non si cura di noi “, ha detto Babli Singh proprietaria e coltivatrice di una fattoria.

Manifestazioni si sono svolte anche a Jantar Mantar, un’area di Nuova Delhi vicino al Parlamento dove circa 100 donne hanno tenuto cartelli che denunciavano le nuove leggi e chiedevano il loro ritiro. “Oggi ci troviamo sotto attacco su tutti i fronti. Come donne, come contadine, come operaie, come giovani e studentesse”, ha detto l’attivista per i diritti delle donne Sucharita, che usa un nome di fantasia. “Siamo contrari alle leggi che sono state approvate a favore delle società private”.

Molteplici cicli di colloqui tra il governo e gli agricoltori non sono riusciti a porre fine alla situazione di stallo. Gli agricoltori hanno rifiutato un’offerta del governo di sospendere le leggi per 18 mesi, dicendo che non si accontenteranno di niente di meno che di una loro completa abrogazione. Il governo di Modi afferma che le riforme porteranno investimenti privati ​​in un settore agricolo vasto e antiquato, miglioreranno le catene di approvvigionamento e taglieranno gli sprechi.

 

Una forza lavoro invisibile

L’agricoltura rappresenta quasi il 15% dell’economia indiana fatta da 2,9 trilioni di dollari e impiega circa la metà della sua forza lavoro. Le donne contadine hanno in gioco tanto quanto gli uomini delle nuove leggi agricole, ha aggiunto Kuruganti. “I mercati distanti, oltre che essere fonte di sfruttamento, rendono le donne contadine single più vulnerabili. I problemi si sommano: una società patriarcale, come quella indiana per molti aspetti è ancora, le ha discriminate e rese vulnerabili”.

La Giornata internazionale della donna, sponsorizzata dalle Nazioni Unite a partire dal 1975, celebra i risultati delle donne e mira a promuovere i loro diritti. Le donne spesso incarnano ciò che gli esperti di agricoltura chiamano una “forza lavoro invisibile” nei vasti terreni agricoli dell’India. Quasi il 75% delle donne rurali in India che lavorano a tempo pieno sono agricoltori, secondo l’organizzazione anti-povertà Oxfam India, e il numero dovrebbe aumentare man mano che più uomini migrano verso le città per lavoro. Tuttavia, meno del 13% delle donne possiede la terra che coltiva.

 

Fonte: Aljazeera, 8 Marzo 2021 (traduzione a cura della redazione).